Frigomat aderisce al consorzio Remedia

 

Remedia Logo

 

FRIGOMAT SRL è un produttore di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (AEE) e, in quanto tale, adempie agli obblighi in materia di gestione dei Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) previsti dal Decreto Legislativo n. 49 del 14 marzo 2014 (D.Lgs. n. 49/2014), attraverso il consorzio REMEDIA per la tutela dell'ambiente.

La costituzione del consorzio REMEDIA segue l’adozione della Direttiva Europea 2002/96/CE – recepita in Italia tramite il Decreto Legislativo n. 151 del 25 luglio 2005 – in seguito abrogata dalla recente Direttiva 2012/19/UE – recepita a sua volta in Italia tramite il summenzionato D.Lgs. n. 49/2014.

L’obiettivo di tutto il sistema normativo in materia di RAEE è quello di garantire la corretta gestione ambientale di tale tipologia di rifiuti evitando la loro dispersione nell’ambiente, attribuendo a diversi soggetti pubblici e privati un ruolo nella filiera del ritiro, trasporto, recupero e trattamento. In particolare il ruolo del sistema collettivo è quello di agire per i produttori e assicurare l’adempimento degli obblighi posti in capo ai medesimi dalla normativa.

In tal senso, REMEDIA ha il compito di garantire una corretta gestione dei RAEE tramite il ritiro degli stessi presso i Centri di Raccolta.

In base a quanto stabilito dal D.Lgs. n. 49/2014, il finanziamento della gestione dei RAEE provenienti dai nuclei domestici (ovvero il finanziamento del ritiro, del trasporto nonché delle operazioni di trattamento adeguato, di recupero e di smaltimento) è a carico del produttore di AEE.

Relativamente, poi, ai RAEE professionali – ovvero iI RAEE diversi da quelli provenienti dai nuclei domestici, e cioè provenienti da utenti professionali quali aziende e attività amministrative ed economiche – il D.Lgs. n. 49/2014 prevede che il finanziamento delle operazioni di raccolta, trasporto e trattamento adeguato, recupero e smaltimento sia a carico del produttore nel caso di fornitura di una nuova apparecchiatura di tipo equivalente (cd. Ritiro 1:1), qualora si tratti di RAEE derivanti da AEE immesse sul mercato prima del 13 agosto 2005. Per i RAEE derivanti da AEE immesse sul mercato a seguito di tale data, il finanziamento delle operazioni di raccolta, trasporto, trattamento adeguato, recupero e smaltimento è a carico del produttore.

Ai fini di una corretta gestione dei RAEE, oltre agli obblighi previsti nel D.Lgs. n. 49/2014 in capo al produttore di AEE, è necessario, tuttavia, che anche gli utilizzatori finali di AEE, ovvero i consumatori, diano il loro concreto contributo.

Nello specifico, i consumatori sono tenuti a non smaltire i RAEE come rifiuti urbani misti e ad effettuare per detti rifiuti la raccolta differenziata secondo le modalità specificate nel D.Lgs. n. 49/2014.

È lo stesso produttore di AEE che fornisce al consumatore (all’interno delle istruzioni per l’uso delle stesse, o qualora non sia prevista la fornitura delle istruzioni, tramite apposite pubblicazioni o materiale espositivo forniti direttamente dal distributore al dettaglio) l’informazione riguardante l’obbligo di non smaltire i RAEE come rifiuti urbani misti e il conseguente obbligo di effettuare per tali rifiuti la raccolta differenziata.

È, quindi, riportato anche il simbolo che indica la raccolta separata delle AEE simile a quello indicato in figura che indica chiaramente il divieto di smaltire i RAEE come rifiuti urbani misti:

Il consumatore, dunque, ai fini di ottemperare alle disposizioni di legge a suo carico è tenuto a consegnare il RAEE ad un Centro di Raccolta organizzato dal proprio Comune. In alternativa, ove il consumatore acquisti una nuova AEE di tipo equivalente, egli potrà consegnare al distributore il RAEE senza oneri.

Il consumatore peraltro deve essere cosciente degli effetti potenziali sull’ambiente e sulla salute umana dovuti alla eventuale presenza di sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche e ad una scorretta gestione delle stesse: è pertanto di fondamentale importanza che il consumatore ottemperi alle previsioni relative alla corretta gestione dei RAEE dal medesimo prodotti.

 

 

In ottemperanza a quanto disposto dall’articolo 29 del D. Lgs. n. 49/2014, FRIGOMAT SRL è iscritta al Registro nazionale dei produttori di AEE con numero d’iscrizione: IT0802000003660

 

 


Documenti di riferimento